Franca Rame ci ha lasciati. Ricorderemo sempre il suo monologo “Lo stupro”

franca rameUn maggio tristissimo che non vuole finire… Franca Rame ci ha lasciati. Ricordiamo le sue battaglie, la sua arte, la sua immensa umanità. Ricordiamo e ricorderemo sempre il suo monologo “Lo stupro”, in cui racconta la violenza che subì il 9 marzo 1973 per mano di cinque neofascisti. Franca Rame decise di non tacere, nel 1975 scrisse di quella violenza e portò le sue parole in tutta Italia, nei teatri, nei circoli, in tv. Milioni di donne e uomini le hanno ascoltate. Con la sua arte ha sconfitto i violentatori, con la sua arte vivrà per sempre.

“Ancora oggi, proprio per l’imbecille mentalità corrente, una donna convince veramente di aver subito violenza carnale contro la sua volontà, se ha la ‘fortuna’ di presentarsi alle autorità competenti pestata e sanguinante, se si presenta morta è meglio! Un cadavere con segni di stupro e sevizie dà più garanzie.”

(“Lo stupro” – Prologo)

Annunci

Informazioni su effetto collaterale

Associazione culturale e compagnia teatrale di Livorno che si occupa di teatro civile.
Questa voce è stata pubblicata in letture e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...